Il mattino inizia con una buona crostata fatta in casa!

Ciao a tutti,
come vi ho anticipato nell’articolo precedente vi spiegherò dei piccoli segreti per fare una crostata perfetta.
Inizio facendovi una raccomandazione: qualsiasi dolce fatto in casa sarà più buono e genuino rispetto ai dolci industriali (tipo le brioches ) che sono zeppi di grassi idrogenati e farine “morte”.  La nostra salute ci chiede di mangiare sano e di scegliere possibilmente prodotti biologici.
Torniamo alla nostra crostata 😜
Questi i problemi  principali nel fare una crostata, faccio un breve elenco e di seguito la soluzione.

1) L’impasto è duro quando lo tiro fuori dal frigor e non riesco a tirarlo con il matterello; è talmente duro che devo fare i rattoppi nella mia teglia.
Questo vi succede se non seguite la mia ricetta con burro morbido di partenza. L’impasto anche dopo 4 ore che è rimasto in frigor sarà morbido e facilmente lavorabile. Importante che non scegliate un piano di lavoro appiccicoso come il legno, meglio un piano di marmo. Infarinate leggermente il piano di lavoro e il matterello e cominciate a formare un cerchio adatto alla teglia che avete scelto.

2) L’impasto con la pressione del matterello tende ad appiccicarsi al piano di lavoro. Se avete una spatola da pasticciere, quelle strette e lunghe, passatela sotto l’impasto delicatamente oppure usate un coltello possibilmente stretto e lungo e fate la stessa cosa, ovviamente con la lama parallela al piano di lavoro; infarinate pochissimo il piano di lavoro e continuate poi a lavorare la pasta.

                         
3) Non riesco a trasferire l’impasto tirato a circa 5mm, nella mia teglia. Arrotolate delicatamente la pasta sul matterello e srotolatela sulla teglia in modo che i lembi siano abbondanti e fuoriescano dal diametro della teglia. Togliete la pasta in eccesso schiacciando il bordo con il matterello.

4) Quale teglia scegliere. Quelle migliori sono in alluminio, classiche per le crostate, con i bordi bassi e il bordo a ondina. In commercio ci sono anche antiaderenti e con il fondo estraibile. Se avete in casa una teglia con il bordo alto tagliate  con un coltellino la pasta in eccesso all’interno della teglia all’altezza di circa 3cm.

5) Quando cuocio la crostata la marmellata fuoriesce e mi sporca i decori o le strisce. Nel mio impasto c’è anche del lievito e quindi la pasta tenderà a gonfiarsi leggermente. La marmellata comunque in tutti i casi deve essere sotto di 1cm dal bordo.Raffreddate ancora un pochino la torta in frigor prima di mettere decori o strisce.

6) Non riesco mai a fare strisce precise. La pasta che vi avanzerà dovrà servire per i decori o le strisce; se l’impasto nel frattempo si è scaldato dovete rimetterlo in frigor perché deve essere freddo, dopodiché tiratelo con il matterello e usate gli stampini per ottenere forme che adagerete sulla marmellata. Nel caso delle strisce procedete sempre  tirando la pasta e poi con una “riga” che potrebbe essere un lato di una teglia rettangolare o  un vassoio con un lato dritto, tagliate righe dritte e regolari, con un taglia-pasta cioè una rotella che si usa anche per tagliare la pizza oppure un coltello affilato. Le strisce dovranno essere adagiate sulla marmellata e dovranno essere più lunghe rispetto alla lunghezza della teglia; la pasta in eccesso la toglierete premendo il matterello sul bordo. Tenete presente che la pasta cuocendo lieviterà e quindi anche le strisce tenderanno ad allargarsi. Non c’è bisogno di sigillare le strisce al bordo della pasta, non premete con le dita, strisce e pasta si uniranno cuocendo.

7) Le mie crostate sono sempre troppo cotte. La crostata va cotta dolcemente a 170 C°…il tempo dipende dalla potenza del vostro forno. Vi faccio un esempio: nella mia cucina abbiamo due forni a parità di temperatura, uno cuoce mediamente 10 minuti prima rispetto all’altro. Comunque tenete presente che ci vorranno circa 30 minuti e la pasta deve essere di un color ambrato, se è nocciola è troppo cotta. Quando estrarrete la torta è normale che sia molle ma raffreddandosi prenderà la giusta consistenza.


RIEPILOGO
Con i miei consigli farete una crostata perfetta! Taglierete delle belle fette che non si spaccheranno in mille pezzi e il sapore sarà divino! 😘
Volete altri consigli? Scrivetemi!
A presto
Chef Laura Quintavalle

 

 

Un pensiero su “Il mattino inizia con una buona crostata fatta in casa!

Lascia un commento