Salame di cioccolato

Da bambini non avete mai provato a fare il salame di cioccolato? Nooo??!!! Allora dovete rimediare subito!!! Almeno una volta nella vita bisogna mettersi il grembiule, correre in cucina e fare questo dolce così facile da fare ma così buonoooo…

DIFFICOLTA’  nessuna 😜   PORZIONI  almeno 12 fette…
VEGETARIANO   si        LATTICINI  si        GLUTINE   no, se usate biscotti senza glutine

INGREDIENTI
300g biscotti secchi
200g cioccolato fondente
150g burro
100g zucchero
2 uova
2 cucchiai di rhum di buona qualità
carta da forno
spago grosso

PREPARAZIONE

1) Schiacciate grossolanamente i biscotti

2) Mettete a sciogliere il cioccolato con il burro a bagno maria, nel frattempo montate i tuorli con lo zucchero.

   

3) Unite nella uova il rhum poi aggiungete i biscotti e il cioccolato.  Arrotolate l’impasto  in una carta da forno dandogli la forma classica del salame e legate le estremità. Riponete in frigorifero  per almeno 2 ore.

   

4) Legate una estremità del salame con la corda e avvolgetelo per il lungo 2 volte.

5) Formate un cappio e cominciate a legare il salame. Stringete ogni volta che infilate il cappio. Quando sarete arrivati all’altra estremità fate un nodo e riponete ancora in frigorifero per almeno un ‘ora. Impiattate su una assicella di legno come si usa fare con i veri salami di suino e lasciate che ognuno tagli la propria fetta! 😜


BAGNO MARIA
Come si fa un bagno maria? Innanzi tutto ci servono due pentole, una più piccola dove metteremo gli ingredienti a cuocere o a sciogliersi come nel nostro caso, e una pentola più grande dove metteremo dell’acqua. Posizioniamo la pentola con l’acqua sul fuoco dolce e all’interno appoggiamo quella più piccola in modo che l’acqua non vada a bagnare il burro e cioccolato. Un mezzo più veloce è l’utilizzo del micro-onde. Un piccolo consiglio: tagliate il burro a pezzettoni e mettetelo per primo nella pentola così facendo il cioccolato non si attaccherà sul fondo e si scioglierà più velocemente; il cioccolato andrebbe spezzettato o se volete far presto, frantumato in un robot, comunque mi è capitato di metterlo per la fretta tutto intero e il risultato non cambia, ci mette solo un pò di più a sciogliersi!

LEGATURA DEL SALAME
La legatura utilizzata per questo salame è la stessa dei veri salami di suino o degli arrosti ed è quel tocco in più che lo fa sembrare un vero salame!


FRASE DI INCORAGGIAMENTO
“Jesse Owens, vinse quattro medaglie d’oro alle Olimpiadi di Berlino del 1936, qualche tempo dopo affermò che la vita interiore di un individuo è la vera Olimpiade. La vita in sé è un’Olimpiade in cui lottiamo ogni giorno per migliorare i nostri record personali.”

tratto dalla guida Giorno per giorno di Daisaku Ikeda

Brownie torta al cioccolato

Questa è una torta che fa venire il buon umore al primo morso! Irresistibile per chi ama il cioccolato fondente, morbidissima come un cioccolatino, perfetta anche per chi soffre di intolleranza al glutine!  Tutti i segreti per fare questa torta davvero speciale!

DIFFICOLTA’   media  PORZIONI  una teglia di circa 24 cm di diametro
VEGETARIANO  si             LATTICINI si              GLUTINE   no

INGREDIENTI
300g cioccolato fondente
350g burro buono
7 uova
175g di zucchero
200g biscotti secchi sostituibili con  lo stesso peso di gherigli di noci, noci pecan o nocciole
poco zucchero a velo


1) Separate i tuorli dagli albumi, quest’ultimi metteteli in frigor a raffreddare. Fate fondere il burro con il cioccolato a bagno maria o in alternativa pochi secondi nel  micro-onde.

2) Sbattete i tuorli con lo zucchero sino a ottenere una spuma dopodiché incorporate il        cioccolato e il burro, unite i biscotti frantumati grossolanamente o in alternativa la frutta    secca spezzettata.

3) Montate a neve l’albume.


ATTENZIONE A QUESTO PASSAGGIO!!!


4) Unite l’albume solo quando l’impasto sarà almeno tiepido se non freddo! 😜
Amalgamate con gesti dal basso verso l’alto in modo da non smontare l’albume, con gesti 
lenti e pazienti.

5) Infornate a 190°C per 20 minuti, in una teglia coperta da carta da forno, poi aprite il  forno e verificate che si siano formate delle crepe e che la superficie sia solida, altrimenti  continuate la cottura per altri 5/10 minuti al massimo.

6) Spegnete il forno,apritelo  leggermente e lasciate raffreddare. Quando il brownie sarà  completamente freddo mettetelo in frigorifero dove può essere conservato 2/3 giorni.
Tagliate la torta da fredda e lasciate poi intiepidire le fette a temperatura ambiente infine 
spolverate a piacere con dello zucchero a velo.


CONSIGLI
I brownie sono un dolce tipico statunitense e per la quantita’ di burro contenuta è consigliabile non approfittare della sua bontà! E voglio spezzare una lancia a favore del burro che a differenza delle margarine ha delle vitamine ed è più salutare di tanti olii idrogenati e modificati tra cui olii di palma, olii di girasole non spremuti a freddo e ottenuti con prodotti chimici. Acquistate sempre burro di buona qualità, possibilmente biologico.


FRASE DI INCORAGGIAMENTO
“L’autostima non può essere costruita dall’oggi al domani. Ogni cosa ha bisogno di tempo. Se continuerete a fare sforzi coraggiosi giorno dopo giorno, alla fine acquisterete fiducia” da La nuova rivoluzione umana, vol.9 di Daisaku Ikeda

Biscottini di pasta frolla con frutta secca

DIFFICOLTA’  facile PORZIONI  circa 200 pezzi 

INGREDIENTI
• 650g farina 0
• 250g burro a temperatura ambiente
• 400g zucchero di canna o integrale
• 500g frutta secca a piacere ( noci, nocciole, mandorle, anacardi, arachidi al naturale, noci pecan, pinoli, ect;)
• 160g uova
• 1 pizzico di sale


1) Montate il burro con lo zucchero in un robot da cucina o con degli sbattitori elettrici.

2) Unite poco per volta le uova; aspettate che l’impasto abbia assorbito il primo uovo e poi procedete con il secondo e così via.

3) Setacciate la farina e poi aggiungete la frutta secca tritata grossolanamente.

4) Unite la farina al burro lavorato e compattate brevemente.

5) Mettete  in una teglia di alluminio dai bordi squadrati di circa cm25 x cm30 con un bordo alto circa cm3, un foglio di carta da forno e poi compattatevi la frolla. Ricoprite con un altro foglio di carta da forno e con un pesta-carne battete sino a ottenere una superficie omogenea.  Riponete in freezer almeno 24 ore.

6) Togliete dal freezer quando vorrete cuocere i biscotti. Rovesciate l’impasto su un tavolo se volete utilizzarlo completamente oppure tagliatene una parte, quanto vi occorre. Ritagliate delle strisce di circa cm 2,5 e poi di nuovo per formare dei cubetti.

7) Scaldate il forno a 200 °C, disponete i biscotti su una placca da forno rivestita di carta e cuocete per circa 10 minuti. E’ normale che appena sfornati siano molli ma raffrendandosi diventeranno della giusta consistenza. Offriteli con un buon caffè o un the 😜

Il mattino inizia con una buona crostata fatta in casa!

Ciao a tutti,
come vi ho anticipato nell’articolo precedente vi spiegherò dei piccoli segreti per fare una crostata perfetta.
Inizio facendovi una raccomandazione: qualsiasi dolce fatto in casa sarà più buono e genuino rispetto ai dolci industriali (tipo le brioches ) che sono zeppi di grassi idrogenati e farine “morte”.  La nostra salute ci chiede di mangiare sano e di scegliere possibilmente prodotti biologici.
Torniamo alla nostra crostata 😜
Questi i problemi  principali nel fare una crostata, faccio un breve elenco e di seguito la soluzione.

1) L’impasto è duro quando lo tiro fuori dal frigor e non riesco a tirarlo con il matterello; è talmente duro che devo fare i rattoppi nella mia teglia.
Questo vi succede se non seguite la mia ricetta con burro morbido di partenza. L’impasto anche dopo 4 ore che è rimasto in frigor sarà morbido e facilmente lavorabile. Importante che non scegliate un piano di lavoro appiccicoso come il legno, meglio un piano di marmo. Infarinate leggermente il piano di lavoro e il matterello e cominciate a formare un cerchio adatto alla teglia che avete scelto.

2) L’impasto con la pressione del matterello tende ad appiccicarsi al piano di lavoro. Se avete una spatola da pasticciere, quelle strette e lunghe, passatela sotto l’impasto delicatamente oppure usate un coltello possibilmente stretto e lungo e fate la stessa cosa, ovviamente con la lama parallela al piano di lavoro; infarinate pochissimo il piano di lavoro e continuate poi a lavorare la pasta.

                         
3) Non riesco a trasferire l’impasto tirato a circa 5mm, nella mia teglia. Arrotolate delicatamente la pasta sul matterello e srotolatela sulla teglia in modo che i lembi siano abbondanti e fuoriescano dal diametro della teglia. Togliete la pasta in eccesso schiacciando il bordo con il matterello.

4) Quale teglia scegliere. Quelle migliori sono in alluminio, classiche per le crostate, con i bordi bassi e il bordo a ondina. In commercio ci sono anche antiaderenti e con il fondo estraibile. Se avete in casa una teglia con il bordo alto tagliate  con un coltellino la pasta in eccesso all’interno della teglia all’altezza di circa 3cm.

5) Quando cuocio la crostata la marmellata fuoriesce e mi sporca i decori o le strisce. Nel mio impasto c’è anche del lievito e quindi la pasta tenderà a gonfiarsi leggermente. La marmellata comunque in tutti i casi deve essere sotto di 1cm dal bordo.Raffreddate ancora un pochino la torta in frigor prima di mettere decori o strisce.

6) Non riesco mai a fare strisce precise. La pasta che vi avanzerà dovrà servire per i decori o le strisce; se l’impasto nel frattempo si è scaldato dovete rimetterlo in frigor perché deve essere freddo, dopodiché tiratelo con il matterello e usate gli stampini per ottenere forme che adagerete sulla marmellata. Nel caso delle strisce procedete sempre  tirando la pasta e poi con una “riga” che potrebbe essere un lato di una teglia rettangolare o  un vassoio con un lato dritto, tagliate righe dritte e regolari, con un taglia-pasta cioè una rotella che si usa anche per tagliare la pizza oppure un coltello affilato. Le strisce dovranno essere adagiate sulla marmellata e dovranno essere più lunghe rispetto alla lunghezza della teglia; la pasta in eccesso la toglierete premendo il matterello sul bordo. Tenete presente che la pasta cuocendo lieviterà e quindi anche le strisce tenderanno ad allargarsi. Non c’è bisogno di sigillare le strisce al bordo della pasta, non premete con le dita, strisce e pasta si uniranno cuocendo.

7) Le mie crostate sono sempre troppo cotte. La crostata va cotta dolcemente a 170 C°…il tempo dipende dalla potenza del vostro forno. Vi faccio un esempio: nella mia cucina abbiamo due forni a parità di temperatura, uno cuoce mediamente 10 minuti prima rispetto all’altro. Comunque tenete presente che ci vorranno circa 30 minuti e la pasta deve essere di un color ambrato, se è nocciola è troppo cotta. Quando estrarrete la torta è normale che sia molle ma raffreddandosi prenderà la giusta consistenza.


RIEPILOGO
Con i miei consigli farete una crostata perfetta! Taglierete delle belle fette che non si spaccheranno in mille pezzi e il sapore sarà divino! 😘
Volete altri consigli? Scrivetemi!
A presto
Chef Laura Quintavalle

 

 

Come fare una crostata perfetta!

La crostata è un dolce composto da due elementi: la pasta frolla e la marmellata. Ci sono diversi modi di preparare la pasta frolla ma quella che vi consiglio io è la pasta frolla morbida per un risultato perfetto!  Si taglierà facilmente senza il rischio di spaccare la fetta.

 

Ingredienti per una teglia da circa  24/28 cm

330g farina + altra per la lavorazione

165g burro a temperatura ambiente

1 uovo intero

2 tuorli

130g zucchero

250g circa di marmellata

1/2 cucchiaino raso di lievito per dolci

buccia di un limone grattuggiato

1 bustina vanilina

1 pizzico sale

——————————————————————————————————————————-

1) Montate il burro con lo zucchero, gli aromi e il sale nel robot o con le fruste elettriche finché il composto sarà cremoso.

2) Aggiungete un uovo alla volta, azionate le fruste e incorporate bene, poi passate al secondo uovo e amalgamate perfettamente e così via sino ad esaurimento. Il composto deve risultare liscio e  spumoso.

3) Setacciate la farina e il lievito e unite in un colpo solo e velocemente al composto di burro, zucchero e uova. Lavorate brevemente con le mani  e staccatevi con poca farina l’impasto che si è appiccicato alle dita e formate una palla.

4) Avvolgete la pasta frolla in una pellicola e lasciate riposare in frigorifero  dalle 4 alle 6 ore, dopodiché riprendete l’impasto e lavoratelo su un piano freddo e non appiccicoso. Spolverate il piano di lavoro con poca farina e con un matterello tirate la frolla a circa 5 mm; se vedete  che tende ad appiccicarsi al piano di lavoro passateci sotto delicatamente la lama di un coltello dalla lama lunga e staccatela.

5) Imburrate una teglia per crostate e infarinatela, togliete la farina in eccesso. Avvolgete la frolla sul matterello e srotolatela sulla teglia; staccate i bordi in eccesso e infine riempite con la marmellata. Cuocete in forno pre-riscaldato a 170C° per 30 minuti o finché la pasta è diventata di un bel colore ambrato.  Lasciate raffreddare perfettamente.

La prossima volta vi spiegherò dei piccoli segreti!

Basun Chef laura Quintavalle